MONDO PLEIN AIR

Primo giorno a Parma con poche novità, un paio di “chicche” (costose) e qualche cocente delusione

17 settembre 2019 – La prima giornata al Salone del Camper di Parma volge al termine. Come da programma abbiamo setacciato il primo dei quattro padiglioni della manifestazione. Per avere un’idea di quello su cui abbiamo concentrato la nostra attenzione potete guardare la nostra pagina Facebook, dove per ogni modello abbiamo messo qualche foto e il prezzo esposto. In linea di massima non abbiamo trovato novità eclatanti, ma diverse conferme. Una su tutte: con il denaro si possono avere cose molto belle, mentre se le nostre finanze sono limitate dovremo cercare per benino una soluzione adatta a noi fra le tante tutte molto simili. Ma vediamo di fare un breve riassunto andando nell’ordine in cui abbiamo visitato gli stand.

Hobby

Prima grande delusione: non siamo riusciti a trovare una persona competente e appassionata che ci spiegasse quali mezzi hanno dimensioni più contenute e quali novità avessero i furgonati. Le piante che abbiamo visto erano banali e di mezzi più corti di sei metri e ottanta non c’è traccia. Speravamo di vedere i Siesta De Luxe, mansardati lunghi tra 6,24 e 6,99 metri, ma non sono presenti in fiera.

Possl

In questo stand c’è da perdersi, tale e tanta è la varietà dei mezzi esposti. La prima novità è il furgonato Trenta, nato per festeggiare il trentesimo anniversario dell’azienda realizzato su meccaniche Fiat, Citroen e Peugeot e con prezzi che partono da 46mila euro. la lunghezza è di 6,36 metri e le dotazioni di serie piuttosto ricche. La pianta è quella classica con trasversale in coda, il riscaldamento a gas con Truma Combi 4, il frigo a compressore.

A piacerci di più è stato il Summit Prime 600, che nella zona giorno adotta il cupolino apribile, mentre il bagno girevole lascia spazio a un’ampia doccia. Il matrimoniale è trasversale, il riscaldamento a gas con Truma Combi 4, il frigo è trivalente. I prezzi partono da 42300 euro su base Citroen e con portata da 3,3 tonnellate. Fino a fine anno, in questo prezzo è compresa una lunga lista di optional, dalla portata maggiorata a 3,5 tonnellate al climatizzatore manuale, dagli oscuranti Remis per la cabina al doppio airbag e molto altro. Il Summit, senza cupolino nel living, è ora disponibile anche nella versione 5,40 metri.

Campster e Vanster

Sempre di casa Possl sono presenti i piccoli SpaceTourer con tetto a soffietto e soluzioni interne diversificate. Il primo ha una disposizione interna “tipo California” (con prezzi a partire da 41.919 euro), mentre il secondo ha solo un mobile multifunzione nel bagagliaio. In questo caso i prezzi partono da 33.839 euro.

Vivair by Adami Camper

Due i mezzi esposti in fiera. Uno è il classico Più, con letto matrimoniale nel tetto a soffietto e bagno in coda che presenta una dinette a quattro posti nella zona giorno affiancata da una piccola cucina. La meccanica può essere Renault Passenger Modello Zen o similare (cinque metri di lunghezza), in quanto l’allestimento viene realizzato su misura e ha un costo di 22.300 euro. Il veicolo completo nuovo costa poco più di 48mila euro. Il secondo è il nuovo Vivair 4Relax, che sposta in coda anche la cucina per far posto a quattro sedili trasformabili in due letti singoli, e portando così i posti totali a quattro. Il prezzo dell’allestimento in questo caso è di 21mila euro.

VanTourer

I furgonati di questo marchio si contraddistinguono dalla concorrenza essenzialmente per il letto matrimoniale posteriore, disponibile in diverse configurazioni. Di base, si alza in senso trasversale per fare posto ai bagagli più voluminosi, senza dividere in due o più parti il materasso. In questo modo non c’è bisogno di disfare il letto. Le altre configurazioni sono il doppio matrimoniale o un solo matrimoniale basculante che aumenta a dismisura la capacità di carico. Il 600 D con pianta “classica” ha prezzi a partire da 51.365 euro. In opzione è disponibile il tetto a soffietto, che costa 5.750 euro. Altra opzione possibile, per 1.225 euro, è il bagno passante, che operò abbiamo trovato molto scomodo da aprire e chiudere.

Tourne Mobil

Questa è stata invece la prima sorpresa positiva della giornata: un marchio giovane (sloveno) con piccole idee originali e una grande qualità costruttiva (che si riflette però sul prezzo). Prima caratteristica degna di nota è la completa coibentazione, porte e portelloni compresi, che li rendono particolarmente adatti a un uso invernale. Di serie è coibentato anche il serbatoio delle acque grigie (da 100 litri, come quello delle acque chiare), che si affianca – sempre di serie – al pavimento elettrico riscaldato.

Notevoli i piccoli lavori ingegnosi di falegnameria, dal modo in cui si allunga il tavolo della dinette alla panca laterale estraibile che non sottrae spazio allo stivaggio, dai piccoli contenitori in legno sopra la cucina agganciati con i magneti al contenitore in legno che può fungere da gradino temporaneo per accedere al furgone e che trova posto in un vano sotto il matrimoniale: sembrano soluzione studiate più dall’Ikea che da un produttore di camper.

Di serie ci sono sempre anche tendalino laterale, radio con navigatore, riscaldamento Webasto a gasolio, boiler a gas e frigorifero a compressore. Secondo il produttore, questa combinazione è quella più efficiente in termini di consumi. Per il gas, che serve per i fornelli e per l’acqua calda, c’è posto per una bombola da 11 chili. I prezzi partono da circa 60mila euro.

Al momento Tourne Mobil non ha importatore o concessionari italiani, ma l’azienda è in grado di seguire un’immatricolazione italiana dalla sua sede slovena. Ovviamente bisogna fare i conti con l’assistenza in garanzia…

Malibu

La gamma Malibu si è arricchita quest’anno della versione Van Charming Coupe, di cui abbiamo già parlato, che rinuncia allo spazio di stivaggio sopra la cabina di guida per dare maggiore ariosità al living, ma senza introdurre il cupolino, riservato alle versioni GT. Sui modelli esistenti non ci sono modifiche di rilievo, a parte l’adozione della meccanica Ducato 2020. In generale il marchio di casa Carthago si conferma come uno dei migliori dal punto di vista qualitativo (con prezzi quindi allineati verso l’alto).

Sun Living

Qui abbiamo incontrato il primo profilato sotto i sei metri (5.993mm), il modello S 60 P. Ha un matrimoniale trasversale che sovrasta un capiente garage e non ha basculante. Ideale quindi per una coppia. Caratteristiche il bagno a scomparsa, a cui si accede attraverso una tapparella plastica girevole che richiede però un certo sforzo. Quando il bagno non è in uso lo spazio vivibile è notevole. Di discrete dimensioni il tavolo della dinette, dotato di prolunga. Il prezzo parte da 48.900 euro.

Adria

In casa Adria i mezzi “corti” sembra non piacciono molto e in fiera i Marix e i Compact da sei metri non sono presenti. Tra i furgonati, il Twin Supreme 640 SGX da 636 centimetri si distingue per il cupolino nella zona living e per il basculante posteriore, che in caso di necessità lascia spazio a un apio vano di carico. Questa soluzione non è disponibile sui furgono più corti. I prezzi partono da 56.500 euro.

Pur senza eccellere ci è piaciuto anche il Twin Plus 540 SP, che in un cinque metri e quaranta propone l’area giorno senza il porta-oggetti sopra la cabina aumentando così la sensazione di spazio. Il prezzo parte da 47.500 euro.

Mercedes

Spazio in casa Mercedes per 9i Marco Polo, qui esposti in due versioni con tetto a soffietto: l’Horizon, privo di particolari attrezzatture da campeggio, e il modello standard completo di armadi e cucina. In entrambi i casi in prezzi sono Mercedes. si parte da poco meno di 55 mila euro nel primo caso e da poco più di 59mila per il secondo e si possono aggiungere anche ventimila (!) euro di optional.

Wingamm

Questo è uno dei nostri marchi preferiti, sia per la tipologia costruttiva (monoscocca in vetroresina) sia per la qualità di esecuzione, oltre che per il buon gusto negli arredi. Purtroppo, qui si sogna e basta, perché per portarsi a casa un mezzo adeguatamente accessoriato difficilmente bastano 80mila euro. Abbiamo apprezzato in particolare la versione rinnovata del City Suite da sei metri con carrozzeria bicolore, ma soprattutto il classico Oasi 540 che in soli cinque metri e 40 offre oltre a un’ampia semidinette a L anche un piccolo divano contrapposto che rende la zona giorno particolarmente godibile. La versione esposta “viene via” con 88mila euro…

Volkswagen

Rimanendo in tema di mezzi molto particolari eravamo molto incuriositi dai Grand California, che però si sono rivelati la delusione più cocente della giornata. Design e tecnologia ci sono, ma la qualità costruttiva e una delle misure “vitali” (quella del corridoio tra cucina e bagno) proprio non ci sono. Il lavello ribaltabile del bagno, in particolare, è di plastica inguardabile, mentre passare dalla zona anteriore a quella posteriore è difficile anche per persone magre come noi. Considerando che la versione “grande” è lunga sei metri e 80 questo è francamente inaccettabile. Anche pensando ai prezzi Volkswagen, che partono da poco meno di 60muila euro ma viaggiano facilmente verso gli 80mila. Unica cosa degna di nota sono le ben sei finestre a servizio dei letti gemelli nella versione 680.

Ford

In fiera è esposto il Nugget, realizzato in collaborazione con Westfalia, che in una lunghezza sotto i cinque metri è completo, di serie, anche con Porta Potti. La qualità ci è piaciuta e i prezzi di attacco sono interessanti, visto che fino a fine hanno la versione base viene proposta a circa 45mila euro. Ancora più interessante, ma non presente in fiera, è la versione a passo lungo e tetto alto rigido, che in 536 centimetri trova posto anche per il bagno fisso. I Nugget verranno venduti attraverso i concessionari auto, sperando che qualcuno di loro si specializzi a sufficienza sia per la consulenza prevendita sia per l’assistenza.

Weinsberg

Qui i furgonati non mancano. Ce ne sono piaciuti due in particolare. Il CaraBus 600 MQH è ungo 599 centimetri e presenta trasversale in coda e. grazie al tetto aggiuntivo rigido, un basculante sopra la zona giorno. L’altezza complessiva consente di avere pensili di dimensioni abbondanti sopra il matrimoniale trasversale. I prezzi partono da 51.650 euro.

Il secondo modello, lungo 636 centimetri, ha invece un vero e proprio box separato. Realizzato su tetto super-alto (H3) riesce a coniugare le esigenze vitali di due persone con quello di trasporto impegnativo. Il prezzo part da 48.750 euro.

Knaus

Qui abbiamo incontrato il primo motorhome sotto i sei metri (596 centimetri). Pensato per quattro persone, dispone di matrimoniale trasversale su garage e di basculante anteriore, il che rende un po’ stretta la zona living, che comunque presenta un ampio tavolo nella semidinette. Il bagno girevole consente di recuperare spazio per l’uso della doccia. Il prezzo parte da 73.100 euro.

Numerosi anche i furgonati presenti in fiera, tra cui abbiamo scelto il BoxStar con tetto H3, che offre matrimoniale trasversale in coda e basculante nella zona anteriore. Lungo sei metri, ha un bagno abbastanza spazioso e prezzi che partono da 54.410 euro.

Pilote

Qui era presente il prototipo dell’Hanroad Trek5, mezzo con tetto a soffietto su Renault Passenger sotto i cinque metri. Allestito tipo California arriverà entro fine anno. A piacerci è stata la cura costruttiva e dei dettagli.

Cambiando dimensioni, l’univo veicolo non troppo grande esposto a Parma è il P650GJ, lungo 6,49 metri. Si tratta di un profilato con singoli gemelli su garage che nella versione Essentiel costa 61.835 euro. Il bagno girevole consente di recuperare spazio per usare comodamente la doccia.

Tra i furgonati nulla che ci abbia colpito, tranne il bagno con tazza scorrevole che permette di liberare o spazio del piatto doccia. Prezzi a partire da 57.845 euro.

Altre curiosità

Ci è piaciuta ancora una volta la mini-caravan Caretta, con posto a dormire per due persone e cucina sul retro accessibile dall’esterno, e il tetto sollevabile SkyUp realizzato in Italia e disponibile per meccanica Fiat/Peugeot/Citroen dal 2006 in poi.

Questo per oggi è tutto. Domani andremo alla scoperta di un nuovo padiglione!

©2019 seimetri.it

Se volete lasciare un commento a questo articolo, potete farlo sulla nostra pagina di Facebook

INFORMAZIONI SULL'AUTORE

Paolo Galvani

Nato nel 1964, è giornalista professionista dal 1990 e imprenditore dal 2007. Si occupa di tecnologia dalla fine degli Anni '80, prima come giornalista poi come traduttore specializzato, e da circa tre decenni ama girare in camper. Dalla fine di maggio del 2019 è diventato "fulltimer". A luglio 2019 ha lanciato il blog seimetri.it.