CAMPERANDO

Falkor dall’estetista: ecco le tante piccole cose che abbiamo sottoposto a ringiovanimento!

13 febbraio 2021 – La nostra avventura su Falkor è iniziata ormai un anno e otto mesi fa. Da allora, vivendo su un camper che ha alle spalle 15 anni di vita e 220 mila chilometri, la manutenzione da fare non è mancata. A dire il vero si è trattato di poche cose, come il bruciatore del frigorifero e quelle legate ai danni causati da una grandinata. Le più grandi, ma pianificate prima di diventare fulltimer, sono state la sostituzione della cinghia con il kit pompa dell’acqua e il cambio degli penumatici. Per il resto tutto tranquillo.

Ma l’usura, si sa, è continua. Così, nei mesi abbiamo accumulato diverse piccole e fastidiose componenti da sostituire o rinnovare. Ritrovatici in officina dagli amici di Camping Time, a Montebonello di Pontassieve (FI), per installare un paio di interessanti prodotti di Teleco Group di cui vi parleremo più approfonditamente a breve (intanto potete guardare qui il video introduttivo), ne abbiamo approfittato per dare una rinfrescatina a Falkor.

Gli interventi sono stati numerosi. Ve li riassumiamo per immagini.

Sostituzione fari anteriori: nonostante una lucidatura effettuata un paio d’anni fa in carrozzeria l’intervento era ormai necessario, altrimenti alla revisione di quest’anno avrebbero potuto esserci problemi!

Arganello del tendalino Prostor: si era sgranato e il telo non si riavvolgeva più.

Guarnizioni delle portiere anteriori: entrambe erano. rotte sul lato inferiore. Abbiamo ritenuto più economico ripararle che sostituirle

Guarnizione della porta cellula: era rotta in più punti, quindi sostituita in toto.

Presa elettrica esterna: dai tempi della grandinata attendeva una sistemazione, ora è nuova.

Cover posteriore della tazza WC: era crepata in più punti. Peccato solo che il pezzo “nuovo” sia stato prodotto anch’esso 15 anni fa e presenti quindi delle parti già ingiallite. Ma almeno è integro…

Protezioni degli attacchi del portabiciclette: praticamente disintegrati, sono stati sostituiti.

Sigillatura del maxi-oblò: in alcune condizioni di pioggia estrema, la cornice interna si riempiva di acqua. Ora dormiamo sonni tranquilli.

Installazione Truma DuoControl CS più filtri: eravamo stufi di trovarci senza riscaldamento di notte!

Alla fine, Falkor è uscito come dall’estetista. Anche se ora che ci abbiamo preso gusto stiamo pensando a diversi altri interventi, decisamente più “invasivi”. Ma di questo vi parleremo in una prossima occasione!

©2021 seimetri.it – Se vuoi lasciare un commento a questo articolo, puoi farlo sulla nostra pagina Facebook

INFORMAZIONI SULL'AUTORE

Paolo Galvani

Nato nel 1964, è giornalista professionista dal 1990 e imprenditore dal 2007. Si occupa di tecnologia dalla fine degli Anni '80, prima come giornalista poi come traduttore specializzato, e da circa tre decenni ama girare in camper. Dalla fine di maggio del 2019 è diventato "fulltimer". A luglio 2019 ha lanciato il blog seimetri.it.

PUBBLICITA’