CAMPERANDO

Un po’ di lavoro e un po’ di pensieri su come ottimizzare spazi e accessori

14 maggio 2019 – Oggi è stata una delle prime giornate dedicate ai lavori faticosi. Da qui a fine mese non mancheranno attività di questo tipo: c’è da risistemare un box (fino a oggi praticamente pieno) dove fare spazio per le cose che avanzeranno da casa, preparare lo scantinato di casa dei genitori dove ospitare una porzione dell’armadio che smonteremo dalla nostra camera, portare in discarica tutti gli orpelli di cui ci libereremo, completare un trasloco suddividendo i nostri rimanenti averi tra camper, box e casa dei genitori. Il 31 maggio dobbiamo lasciare libera l’abitazione in cui siamo in affitto, e quella è una scadenza inderogabile.

Per riuscire a rispettarla, da lunedì prossimo ridurremo l’impegno lavorativo al bar, portandolo in media a due giorni la settimana. In questo avremo un po’ di giornate da dedicare al trasferimento. Nel frattempo, oggi abbiamo fatto un paio di viaggi in discarica…

Un’oretta l’abbiamo anche dedicata alle riflessioni su cosa portare con noi e come organizzare le cose in camper. In particolare, ci siamo focalizzati su come sfruttare al meglio i sotto-pensili, prendendo le misure: potremmo prendere dei piccoli cestini e suddividere lo spazio in maniera più organizzata. Abbiamo anche trovato il modo di fissare il rotolo di carta “asciugatutto” senza dover acquistare un supporto e forare qualche mobile (cosa che odio). Prossimamente pubblicheremo una foto per farvi vedere cosa abbiamo escogitato…

Abbiamo anche verificato la compatibilità dei gancetti per le tende con i binari esistenti e provato i coprisedili che ci sono stati a suo tempo consegnati con il camper: non li avevamo mai usati, ma visto il prossimo impiego intensivo meglio proteggere le fodere originali!

INFORMAZIONI SULL'AUTORE

Paolo Galvani

Nato nel 1964, è giornalista professionista dal 1990 e imprenditore dal 2007. Si occupa di tecnologia dalla fine degli Anni '80, prima come giornalista poi come traduttore specializzato, e da circa tre decenni ama girare in camper. Dalla fine di maggio del 2019 è diventato "fulltimer". A luglio 2019 ha lanciato il blog seimetri.it.