MONDO PLEIN AIR

Covid-19, dalla Germania una buona notizia: dopo quattro settimane riprende la produzione di Hobby

20 aprile 2020 – Mentre in Italia si discute di come ripartire dalla Fase 2 e si attendono indicazioni dal Governo, in Germania le fabbriche cominciano a riaprire. La buona notizia per il nostro settore è che, a partire da oggi, riprende la produzione di Hobby. La società ha sfruttato il periodo di fermo di quattro settimane per adottare rigide precauzioni di sicurezza, con l’obiettivo di proteggere al meglio la forza lavoro dalle infezioni. In ogni area sono stati allestiti dei cosiddetti “hotspot igienici”, dove i dipendenti possono trovare mascherine, occhiali di sicurezza e disinfettanti.

La pianificazione e i processi di produzione sono stati riorganizzati per consentire il rispetto delle distanze di sicurezza. Sono stati anche previsti dispositivi di sicurezza in aree critiche come le passerelle, ora di nuova concezione, e tempi di pausa divisi per aree, assicurando che i dipendenti dell’azienda possano lavorare senza rischi. 

Le mascherine devono essere indossate nei bagni e nei corridoi, al timbro del cartellino e specialmente nelle aree di lavoro di più ridotte dimensioni”, ha detto Christian Pahl, responsabile del dipartimento per la sicurezza sul lavoro di Hobby. “Le regole di comportamento sono visibilmente illustrate in tutta l’azienda e faremo in modo che tutti i dipendenti aderiscano alle linee guida. Inoltre, ci siamo coordinati con il dipartimento sanitario per quanto riguarda le nostre direttive”.

Le mascherine per i quasi 1.200 dipendenti sono state prodotte dallo stesso reparto cucitura interno di HobbyOgni dipendente verrà dotato di cinque mascherine confezionate igienicamente prima di iniziare il turno. La produzione viene eseguita seguendo le indicazioni sanitarie e le mascherine sono lavabili a 60 gradi.

©2020 seimetri.it – Se vuoi lasciare un commento a questo articolo, puoi farlo sulla nostra pagina Facebook

INFORMAZIONI SULL'AUTORE

Paolo Galvani

Nato nel 1964, è giornalista professionista dal 1990 e imprenditore dal 2007. Si occupa di tecnologia dalla fine degli Anni '80, prima come giornalista poi come traduttore specializzato, e da circa tre decenni ama girare in camper. Dalla fine di maggio del 2019 è diventato "fulltimer". A luglio 2019 ha lanciato il blog seimetri.it.