MONDO PLEIN AIR

Sui “seimetri” di casa Rimor il prezzo è l’elemento forte: molto contenuto sia sui furgonati Horus che sui tradizionali Seal

25 ottobre 2019 – Rimor è un marchio storico nel mercato italiano dei veicoli ricreazionali. Passato nel 2015 al gruppo Trigano, ha comunque mantenuto la propria identità posizionandosi nella fascia di ingresso nel settore dei camper e dei furgonati. L’offerta attuale intorno ai sei metri è declinata in due varianti: i van Horus e i semintegrali e mansardati Seal.

Sul primo fronte la scelta è molto classica: gli Horus 38 e 45 hanno pianta sostanzialmente identica e si differenziano solamente per la presenza di uno o due matrimoniali trasversali posteriori. La base scelta è quella del Fiat Ducato da 5,998 metri con portata complessiva di 3,3 tonnellate e motore da 2,3 litri e 120 cavalli. La disposizione è quella più tradizionale: semidinette anteriore fronteggiata dal piano cucina a due fuochi e lavello; arretrando, sul lato sinistro si trova il bagno con doccia integrata, sul destro il frigorifero trivalente da 90 litri in posizione rialzata.

Il letto posteriore sollevabile misura 192×140 centimetri, così come quello superiore della versione Horus 45. A questi si può aggiungere un letto formato dalla panca e dal tavolo della semidinette, lungo 186 centimetri e largo da 140 a 115 centimetri. La riserva d’acqua è da 85 litri, con un serbatoio di recupero da 90 litri. Il riscaldamento è a gas tramite la stufa con boiler Truma Combi C4. Il vano bombole può contenere due cilindri da 5/6 chili. A richiesta, si possono avere porta zanzariera, supporto TV, portapacchi con scaletta, batteria servizi, luce esterna, coprisedili cabina e climatizzatore manuale. A fronte della lunga lista di optional, il prezzo base “franco fabbrica” è piuttosto contenuto: 40.369 euro per l’Horus 38 e 40.506 per l’Horus 45.

Se il furgonato non è tra i vostri obiettivi, in Rimor bisogna salire con le misure fino a 6,483 metri. Qui entriamo nel regno dei Seal, con il semintegrale Seal 12 Plus e il mansardato Seal 3, entrambi omologati sei posti e con massa complessiva di 3,5 tonnellate. La meccanica di base è sempre il Ducato 2,3 litri da 120 cavalli e gli optional simili a quelli previsti sui furgonati.

Su questi mezzi cambia la vivibilità, ma soprattutto si torna a vedere una disposizione che era molto più di moda qualche anno fa: quella del matrimoniale “alla francese”, basso e posizionato longitudinalmente. Nel caso dei Rimor è addossato sul lato sinistro, mentre sul destro c’è il lungo bagno con vano doccia separato.

Il letto posteriore misura 138,5 per 205,6 centimetri. Nel semintegrale c’è un basculante che sovrasta la zona giorno di dimensioni simili (138×200), mentre il letto in mansarda (servito da una singola finestra) dell’altro modello ha una larghezza di 146 centimetri e una lunghezza di ben 220. In entrambi i casi, il matrimoniale che si forma con panca e tavolo della semidinette è di 124 per 188 centimetri, quindi più adatto a un adulto o due bimbi.

Dal punto di vista delle dotazioni, i Seal possono caricare 85 litri di acqua potabile e hanno un serbatoio di recupero da cento litri. Il frigorifero da 80 litri è trivalente e il riscaldamento è a gas con Truma Combi C4. Il vano bombole può ospitarne due da 11/13 chili.

Anche nel caso dei Seal la lista degli optional è lunga. A quelli previsti per gli Horus si aggiunge la possibilità di avere un oblò nella zona giorno sul mansardato o il cupolino apribile sul semintegrale, la cappa aspirante sulla cucina a “L”, i piedini di stazionamento e i serbatoi antigelo. Se ci si mantiene sulle dotazioni di base, i prezzi “franco fabbrica” di entrambi i modelli partono da circa 44.800 euro.

©2019 seimetri.it – Se volete lasciare un commento a questo articolo, potete farlo sulla nostra pagina di Facebook

INFORMAZIONI SULL'AUTORE

Paolo Galvani

Nato nel 1964, è giornalista professionista dal 1990 e imprenditore dal 2007. Si occupa di tecnologia dalla fine degli Anni '80, prima come giornalista poi come traduttore specializzato, e da circa tre decenni ama girare in camper. Dalla fine di maggio del 2019 è diventato "fulltimer". A luglio 2019 ha lanciato il blog seimetri.it.