IL PUNTO

L’assicurazione “giusta”

18 aprile 2019 – Un aspetto su cui ci si dovrebbe concentrare più del solito quando si decide di andare a vivere in camper è quello dell’assicurazione. In realtà non ci avevamo pensato molto fino al momento in cui la nostra compagnia, inviandoci la proposta di rinnovo annuale, non ha deciso di eliminare unilateralmente la garanzia contro furto e incendio: per Genialloyd il nostro Falkor è troppo vecchio per meritare una protezione di questo genere. Se però è vero che un’auto di 14 anni è tendenzialmente un veicolo senza valore, per un camper le cose cambiano. Acquistato due anni fa, Falkor ci è costato venticinquemila euro e guardando i (pochi) annunci presenti per il nostro modello sia in Italia sia in Europa, ancora oggi sotto quella soglia sostanzialmente non si scende.

Abbiamo quindi cominciato a chiederci cosa succederebbe nel malaugurato caso di un furto o di una perdita totale dovuta a incendio: fino a che il camper è un mezzo per la vacanza, un qualcosa di più rispetto alla vita quotidiana, il rischio si può (forse) correre, ma quando è la tua casa l’argomento non va preso sottogamba.

Cominciando a guardarci intorno per capire quale compagnia potesse soddisfare le nostre esigenze, ci siamo imbattuti nel problema di base: quanto vale per le assicurazioni il nostro Hymer Exsis SG 2.3 del 2005? La risposta più gettonata è “Guarda sul libretto Eurotax Giallo”. Sì, ma le persone comuni non hanno accesso a quella pubblicazione e le prime agenzie a cui abbiamo chiesto informazioni ci hanno detto che il nostro modello non era presente su Eurotax, ricevendo risposte variabili sul suo valore, con due scuole prevalenti di pensiero: tenete buono il valore di acquisto come usato, oppure calcolate il valore da nuovo, togliete il 22% (equivalente all’IVA) per il primo anno e poi riducete il valore del 5% all’anno. Nel primo caso parliamo quindi di 25.000 euro, nel secondo – considerato che nel 2005 il mezzo con gli accessori costava circa 49.000 euro – di poco meno di 21.000 euro.

Per pura curiosità, sul sito rivaluta.it abbiamo provato a calcolare quanto costerebbe oggi il nostro Falkor e la risposta è: 59.443 euro.

Oltre al valore assicurato del mezzo, ancora non ben definito, avevamo altre esigenze. L’indispensabile RCA (da farsi per un valore che non fosse il minimo previsto dalla legge, ovvero poco più di sei milioni di euro per le persone e poco più di 1,2 milioni di euro per le cose), il furto e incendio (compresa la copertura verso terzi in quest’ultimo caso), gli atti vandalici, gli eventi naturali, il soccorso stradale, la tutela legale e la garanzia cristalli.

Per trovare la soluzione ideale abbiamo spaziato dalle compagnie assicuratrici tradizionali a quelle online, per arrivare a valutare anche quelle società (o quelle agenzie) specializzate nel settore dei veicoli ricreazionali. Dopo avere ricevuto preventivi di ogni tipo (diversi dei quali anche sopra i mille euro) abbiamo optato per un’azienda che in questo settore ha una discreta nomea: Vittoria Assicurazioni.

Non tutti i commenti che abbiamo letto online sono entusiastici, ma questo pensiamo non sia possibile per nessuna compagnia: troppe le variabili che definiscono la soddisfazione dell’utente. I molti giudizi positivi, insieme al prezzo conveniente (non il più basso in assoluto, ma molto interessante) ci hanno convinto a stipulare la polizza con loro. Per farlo online, ci siamo appoggiati all’agenzia Aspevi di Firenze, che gestisce il sito Rcamper.it, dal quale abbiamo fatto calcolare il nostro preventivo.

In totale abbiamo speso 577,50 euro per una polizza annuale con pagamento unico anticipato. Che cosa abbiamo ottenuto?

  • RCA per un massimale di 50 milioni di euro (220,57 euro)
  • Furto e incendio per un valore assicurato di 20.000 euro (45,45 + 14 euro)
  • Infortuni del conducente (30 euro)
  • Rimborso spese sanitarie (copertura Silver, 15 euro)
  • Atti vandalici (24 euro)
  • Fenomeni naturali (24 euro)
  • Formula F Elite: danni da effrazione, perdita chiavi, danni alla tappezzeria (in caso di soccorso a vittime della strada), spese di traino e di trasporto (17,27 euro)
  • Garanzia cristalli Elite Plus con massimale di 1.500 euro (42 euro)
  • Assistenza stradale (28,18)
  • Tutela legale (13,33 euro)
  • Garanzia complementare Gold: danni da inquinamento, ricorso terzi da incendio, rinuncia alla rivalsa per patente scaduta, guida in stato di ebbrezza, cinture non allacciate, mancata revisione (13,87 euro)

Nel valutare le garanzie e il relativo costo bisogna sempre tenere conto che i costi variano in base alla zona di residenza dell’assicurato, alla sua età e alla sua storia assicurativa. Per completezza di informazione, Paolo ha 54 anni, è residente in provincia di Milano e la sua classe di merito, essendo ripartito da zero nel 2017, è la 12.

INFORMAZIONI SULL'AUTORE

Paolo Galvani

Nato nel 1964, è giornalista professionista dal 1990 e imprenditore dal 2007. Si occupa di tecnologia dalla fine degli Anni '80, prima come giornalista poi come traduttore specializzato, e da circa tre decenni ama girare in camper. Dalla fine di maggio del 2019 è diventato "fulltimer". A luglio 2019 ha lanciato il blog seimetri.it.